Torna al blog

Paura del futuro

Paura del futuro


paurafuturojpg

Ciascuno di noi, nel corso della propria vita, ha manifestato almeno una volta paura del futuro. Ciò è anche motivato dal fatto che viviamo in un periodo di incertezze e precarietà economiche, politiche e sociali.

La paura del futuro diventa però un disturbo psicologico quando è invalidante per il soggetto. Egli manifesta infatti un’ansia profonda per ogni evento che riguarda se stesso o anche un familiare.

L’angoscia può culminare in veri e propri attacchi di panico.

Il timore per quello che potrà accadere in ambito lavorativo, scolastico, sentimentale, familiare, ecc. diventa un pensiero ossessivo. Il soggetto vi dedica la maggior parte del proprio tempo nel corso della giornata. Non riesce a pensare ad altro. Non riesce ad attuare progetti perchè assalito da mille dubbi. In altre parole, non riesce a vivere il presente.

In tali casi è bene rivolgersi ad uno psicoterapueta per intraprendere un lavoro su stessI.

Attraverso il sostegno e il supporto del terapeuta il soggetto comprende quali sono le motivazioni che lo portano ad avere paura del futuro. Essa può essere legata ad un’esperienza familiare che ha turbato particolarmente il soggetto nel suo passato o di recente. Oppure egli può essere angosciato dalla perdita del controllo perchè ha subito accadimenti traumatici improvvisi. In altri casi, alla base vi è una predisposizione caratteriale acuitasi di fronte all’emergere di compiti impegnativi nella sfera privata o professionale.

La consapevolezza delle proprie paure va di pari passo con l’attivazione delle risorse personali per farvi fronte.

Attraverso un percorso terapeutico il soggetto ridimensiona le proprie paure. Diventa soggetto attivo della sua vita, senza più viversi come passivo di fronte agli eventi. Reagisce di fronte all’immobilità di cui è prigioniero. Si rende conto che nella vita ci possono sempre essere dei rischi, ma non per questo rinuncia a vivere.

Abbi fiducia in te e guarda al tuo oggi con serenità.